dove ti trovi://Nellie Bly
Nellie Bly 2020-02-11T22:38:50+00:00

Project Description

Nellie Bly



AUTRICE

Luciana Cimino, Sergio Algozzino


LINGUA

Italiano


EDITORE

Tunuè


URL sito

https://www.tunue.com/product/nellie-bly-luciana-cimino-e-sergio-algozzino/


Trailerabile


Genere

graphic novel


Target

Per tutti


Biografia autori

Luciana Cimino Giornalista professionista. Ha lavorato per 10 anni a l’Unità dove si è occupata di politica e cronaca e in particolare di sociale, povertà, migranti, scuola. In passato ha collaborato con i principali giornalli e tv italiane tra cui La Repubblica e il Corriere.it. Si è occupata anche di televisione con diverse inchieste per Rai2. Da sempre interessata alla comunicazione politica, ha seguito per diversi partiti le campagne elettorali relative alle tornate elettorali dell’ultimo decennio ed è stata membro dell’ufficio stampa della giunta della Regione Lazio. Ha inoltre curato la comunicazione per case editrici, spettacoli, manifestazioni culturali. È stata anche responsabile comunicazione per la fondazione di finanza sociale dell’ex ministra Giovanna Melandri, Human Foundation. Dal 2015 è nello staff di comunicazione del Festival di giornalismo Internazionale a Ferrara. Oggi si occupa di qualità dell’informazione e Nellie Bly era decisamente il personaggio che le serviva raccontare.

Sergio Algozzino Autore di fumetti, nato a Palermo nel 1978.
Collabora con Disney, Piemme, Panini Comics, Red Whale, Sergio Bonelli Editore, Newton Compton, Soleil Edition. Ha pubblicato le graphic novel Pluie d’été (Les Humanoïdes Associés, Francia, 2007), Ballata per Fabrizio De Andrè (Beccogiallo, 2008), Dieci giorni da Beatle (Tunué, 2012), Memorie a 8 bit (Tunué, 2014), Storie di un’attesa (Tunuè, 2016), Il piccolo Caronte (Tunuè, 2017), Myrna e il tocco della Morte (Tunuè, 2019), Nellie Bly (Tunuè, 2019).


Anno di pubblicazione

2019


Ambientazione

Stati Uniti


Sinossi breve

Un graphic novel dedicato ad una storia di emancipazione femminile che ha dell’incredibile. La vita molto più che avventurosa di Nellie Bly, giornalista investigativa di fine Ottocento capace di farsi internare per denunciare gli orrori dei manicomi e poco dopo battere ogni record facendo il giro del mondo in 72 giorni.


Sinossi lunga

1922, New York. Miriam Horwitz è una delle poche donne studentesse in giornalismo alla Columbia University. L’università infatti, pur avendo ammesso le donne fin dall’inizio, ne fa entrare una quota limitata basandosi sull’assunto che le opportunità di lavoro nel giornalismo per le donne fossero scarse. Per il primo decennale dell’istituzione del corso di laurea in giornalismo, fondato da Pulitzer, la rivista della scuola intende fare un numero monografico celebrativo del giornalismo americano. Miriam sceglie di ricordare l’inchiesta sul manicomio di Nellie Bly e, attraverso il suo pezzo, aprire una polemica con l’università. Nellie, grandissima giornalista in gioventù e donna dei record è ormai anziana, molto malata e dimenticata, vive con la sola compagnia di una cameriera ed è ritrosa alle visite. Ma Miriam a poco a poco riesce a entrare in confidenza con l’anziana e a farsi raccontare la sua vita. D’altronde, come scoprirà Nellie, le due hanno molto in comune: anche Miriam viene da una famiglia povera, lotta per fare la giornalista e per mantenere la sua indipendenza di donna e lavoratrice.

Nellie Bly è un graphic novel che racconta la vera storia di Nellie Bly, la prima giornalista investigativa della storia, una donna diventata icona, letta tramite il confronto con una giovane che vuole intraprendere la stessa carriera, Miriam. Nellie Bly, tramite i ricordi, rievoca le sue avventure professionali: da quando si finse pazza e si fece internare per portare avanti un’inchiesta su un manicomio, al giro del mondo in 72 giorni fatto in solitaria, cosa impensabile per una donna di quell’epoca. La Bly fu una delle poche giornaliste che intervistarono Belva Ann Lockwood, prima donna candidata alle elezioni presidenziali nel 1884.

Miriam e l’amica nel libro cercano di ricostruire per la ricerca gli ultimi anni di carriera di Nellie tra scioperi alle officine Pullman di Chicago, le interviste al leader socialista Eugene V. Debs, all’anarchica Emma Goldman e alla femminista Susan B. Anthony.

Nel 1914 sarà la prima donna a essere inviata al fronte. Passa gli ultimi anni perlopiù a occuparsi di bambini abbandonati e donne povere e in difficoltà, dimenticata sia dal pubblico che dalle colleghe. Frank arriva trafelato con una copia del The Evening Journal con la notizia della morte di Bly e il titolo: “Nellie Bly The Best Reporter In America”. New York, 1998. Miriam, ormai anziana, guarda in tv Clinton che proclama il “Women’s History Month” e lo dedica a Nellie Bly.


Titolare diritti audiovisivi

Tunuè


Traduzione all’estero

Si


Testo opzionato

No