dove ti trovi:/, In evidenza/I libri dell’edizione 2019, l’VIII

I libri dell’edizione 2019, l’VIII

Anche quest’anno per l’ edizione VIII di Bookciak, Azione! abbiamo scelto quattro testi di case editrici indipendenti e capaci di suggerire le più varie emozioni da “trasportare” nei corti. Per la prima volta c’è anche una raccolta di poesie (La memoria nel corpo) che va ad aggiungersi a un graphic novel (War painters 1915-1918. Come l’arte salva dalla guerra), a un romanzo (La lettrice di Čechov) e a un diario (La bella Sulamita) pubblicato da LiberEtà, casa editrice dello Spi/CGIL, nostra partner nella terza edizione di Memory Ciak, sezione speciale dedicata ai temi del lavoro, della solidarietà e della memoria.

 

La bella Sulamita

(LiberEtà) per la sezione Memory Ciak
di Renato Gorgoni
A Napoli, scatola magica da cui estrarre fame delusioni, ma anche riscatto e identità, una banda di ragazzini si scrolla di dosso la pagliacciata del fascismo, addentando la vita a morsi prima che la guerra gliela rubi. La ribellione avrà una firma collettiva: la storica figurina del concorso Perugina, La bella Sulamita, che con Il feroce Saladino, Crik e Crok e Shanghai Lil, erano parte dell’immaginario di un’Italia povera, divisa tra cupo conformismo e ribellione.

LEGGI LA SCHEDA
LEGGI LA RECENSIONE

 


POESIE

La memoria nel corpo

(Rayuela Edizioni)
di Antonella Sica
È una raccolta di poesie. Brevissimi racconti che germogliano dai ricordi; dai corridoi di un collegio dove una bambina aspetta un padre che non arriverà mai, dalla stanza della nonna dove una donna cerca una sua identità non sottomessa, dal racconto di un amore pieno di slanci e arresti.

LEGGI LA SCHEDA  
LEGGI LA RECENSIONE

 


GRAPHIC NOVEL

War painters
1915-1918 Come l’arte salva dalla guerra

(ComicOut)
di Laura Scarpa
Un graphic novel fra le trincee della Grande guerra con i pittori che, al seguito dei reggimenti, sono impegnati a raccontare il fronte nello spazio-mondo di una cartolina. Anna Colemann Ladd, scultrice che nel 1918 ricostruirà i volti distrutti di molti soldati con delle maschere di rame. E ancora due soldati italiani e uno austriaco che per un momento dimenticano di essere nemici. Tre storie di guerra prese dalla realtà, che parlano dei lutti e di come l’arte cerchi, e a volte possa, aiutare a superarli o a lenire il dolore.

LEGGI LA SCHEDA
LEGGI LA RECENSIONE

 


ROMANZO

La lettrice di Čechov

(nottetempo)
di Giulia Corsalini
Nina è ucraina, ha quarant’anni, una figlia e un marito malato. Ha studiato, ama la letteratura e Čechov, ma è povera e non può mantenere la famiglia. Costretta a trasferirsi in Italia trova lavoro come badante. Una piccola svolta del destino la porterà a collaborare con un carismatico professore di slavistica. Colpisce al cuore questa esistenza minima, fatta di coraggio senza testimoni e, soprattutto, di dignità senza pretese, come quella delle donne che ogni giorno mandano avanti il mondo.

LEGGI LA SCHEDA
LEGGI LA RECENSIONE

 


 

2019-01-07T11:04:08+00:00 gennaio 3rd, 2019|I libri scelti, In evidenza|